RSS

Clinica pratica: la psoriasi

12 Nov

La psoriasi trattata in modo naturale: la scelta omeopatica

di Carlo Di Stanislao

La psoriasi è una frequente, complessa e recalcitrante patologia dermatologica, molto invalidante sul piano estetico e dei rapporti interumani, che colpisce almeno l’1% della popolazione generale e risulta legata a tratti genetici ed espressioni immunologiche molto difficili da gestire. Progressi nelle gestione delle forme più estese e severe si sono compiuti negli ultimi anni grazie a farmaci immunosopressori (CsA) o principi (definiti farmaci biologici) in grado di bloccare il Tumor Necrosis Factor amplificatore della flogosi viziosa che ne è alla base. Tuttavia questi farmaci, certamente molto efficaci, sono ricchi di effetti indesiderati gravi come depressione immunitaria con sepsi severe o sviluppo di cancro, linfomi, miocardiopatie tossiche con grave aritmia e scompenso cardiaco severo. Negli anni, pertanto, molte pratiche complementari si sono proposte per la gestione di forme anche estese con o senza atropatia, condizione simile all’artrite reumatoide, che colpisce il 10% dei pazienti con psoriasi indipendentemente dalla sua estensione. Una recentissima review condotta dal Department of Dermatology della Rochester University di New York, in collaborazione con il Center for Clinical Epidemiology and Biostatistics della Università di Pensylvania, ha esaminato la letteratura scientifica recente, inerente studi randomizzati con buon indice Jadad (superiore a 2), pubblicati negli ultimi 5 anni in lingua inglese. La metanalisi, molto rigorosa ed onesta, dimostra che in primo luogo numerosa e vasta è la produzione scientifica (oltre 30 articoli di buona qualità relativi a l’uso di piante medicinali soprattutto, ma anche rimedi omeopatici ed omotossicologici, agopuntura e altre tecniche della Medicina Cinese) e, in secondo luogo, molto incoraggianti la più parte dei risultati. Analogamente a quanto osservato, poi, da altri dipartimenti di dermatologia sia europei (Mahé E et al, J Eur Acad Dermatol Venereol, 2009), sia asiatici (Gönül et al, Int J Dermatol. 2009), la più parte dei pazienti si cura con documentazione ed acquisto tramite internet, senza alcun controllo delle fonti, della qualità dei prodotti o discutendo le scelte “alternative” con i medici curanti. Per quanto attiene all’omeopatia gli studi più ampi e recenti (Witt et al, J Eur Acad Dermatol Venereol, 2009), dimostrano un successo nella grandezza delle placche e nel miglioramento della qualità della vita che riguarda più del 70% dei pazienti trattati da medici esperti, capaci di una prescrizione che tenga conto delle caratteristiche cliniche delle forme e psichiche individuali (rimedi più spesso impiegati, nella più parte degli studi sono stati Arsenicum album, Arsenicum iodatum, Calcarea carbonica, Graphites, Kalium arsenicosum, Natrum muriaticum, Petroleum, Phosphorus e Sepia).

J Am Acad Dermatol, 2009, 61, (4)

Per leggere l’abstract >>> cliccare qui

 
 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: